Home

Foto: Luis Condrò

Nata a New York, ma di origini comasche, il soprano italoamericano Jennifer Borghi inizia gli studi vocali presso la Princeton University, dove si laurea in Lettere comparative con un diploma in Vocal performance, e si perfeziona, grazie ad una borsa di studio Fulbright, alla Hochschule für Musik und darstellende Kunst a Mannheim, Germania. Debutta nel 2009 ad Atene, presso l’Opera Nazionale di Grecia, nel ruolo del Compositore nell’Ariadne auf Naxos di Richard Strauss dopo essere stata premiata in numerosi concorsi internazionali di canto lirico quali il Maria Callas Grand Prix, l’International Voice Competition Hans Gabor Belvedere, le Metropolitan National Council Auditions, l’Hilde Zadek Internationaler Gesangswettbewerb.

I suoi impegni artistici la portano inoltre all’Opéra Royal di Versailles, al Theater an der Wien, al Teatro degli Champs-Elysées, al Teatro Imperiale di Compiègne, al Teatro dello Stato di Norimberga, alla Cité de la Musique, all’ Arnold Schönberg Center di Vienna, alla Sala Filarmonica di Liegi, al Corum di Montpellier, al Palace of Arts di Budapest, alla Cattedrale Stephansdom di Vienna, alla Princeton University, al Festival Berlioz, al Festival de Radio France, al Como Festival, al Festival Les Musicales de Normandie, al Grachtenfestival di Amsterdam. Le sue esibizioni sono state trasmesse da Mezzo, Arte, Culturebox, France Musique, Südwest Rundfunk e Radio Canada.

Dal 2010 svolge un’intensa attività discografica alla riscoperta di opere romantiche e proto-romantiche francesi, collaborando con orchestre quali la Filarmonica di Bruxelles, Le Concert Spirituel, Les Talens Lyriques, Les Agrémens, The Orfeo Orchestra, Les Solistes des Siècles. Ne risultano le prime incisioni di opere quali Adrien, Empéreur des Romains (1800) di Méhul, La Mort d’Abel (1825) di Kreutzer, Le Paradis Perdu (1878) e la Messe Pontificale di Théodore Dubois, Hercule Mourant (1761) di Dauvergne, La Toison d’Or di J.C. Vogel (1786), le cantate di Max d’Ollone Frédégonde (1897) e Clarisse Harlowe (1895), Dimitri di Joncières (1876). Ulteriori informazioni su questi titoli ed altri sono disponibili sulla pagina Discografia.